• Via San Gerardo - Sant'Onofrio
  • +39 331 79 14 100
  • info@vigoroldboys.it

    Articoli

    Amici del Conflenti - Vigor Old Boys = 0-3

    Al limite della praticabilità del campo, per le avverse condizioni meteo che prima hanno minacciato il via della gara per la nebbia e poi per la quantità di acqua presente appena sotto l'erba del terreno di gioco, la gara tuttavia è stata alla giocata fino alla fine dai 22 e + presenti al campo sportivo di Conflenti. Una certezza su tutte, la voglia di giocare per non dover ritornare una seconda volta.

    Quindi, pronti, partenza , via.
    4-4-1-1 tanto amato e perfezionato da Mister Dileo, che oggi, deve fare i conti con tante assenze nella zona nevralgica del campo, a leggere i nomi potremmo definirle assenze pesanti, ma la forza della Vigor sta nel gruppo, non nei singoli, quindi nulla spaventa i ragazzi che senza Lo Gatto, Di Bella, Pezzo, Tamburro affrontano gli avversari ostici in maglia giallo.

    Con Petracca tra i pali, linea difensiva formata da De Fina P., Valenzise, Liberto e Cannatà; centroncampo con Piperno, Dileo F., Garcea, Menniti, in regia Fragalà ed unica punta Sposato, i primi minuti sono caratterizzati da una sorta di confusione nel gioco degli ospiti, che invano cercano di tessere una trama di gioco soddisfacente, perche risulta impossibile far viaggiare la palla in 10cm di acqua nascosta sotto l'erba, perciò il gioco latita e sono frequenti gli scontri in stile vecchio "Aquapark". I padroni di casa conoscono bene il loro campo di gioco e cercano di approfittarne con lanci lunghi, ma nulla impensierisce il numero 12 Vigoroso e la sua retroguardia.

    La palla, comunque galleggia sempre tra i piedi degli ospiti, che però devono rinunciare quasi subito a Garcea in mezzo al campo per il riacutizzarsi di un vecchio acciacco, al suo posto, un pò a sorpresa, entra in campo Arcella che prende il posto a centrocampo, niente stravolgimenti all'aspetto tattico.

    Col passare dei minuti, la Vigor capisce che non è la giornata adatta per giocare col pallone a terra e si adatta alla situazione, giocando con palloni alti per il suo unico attaccante. Modo di affrontare la partita che li premia subito: un lancio sulla sinistra, 3/4 avversaria, dove il campo è messo un pò meglio ed è Sposato che sfrutta lo spazio, volata verso la porta, ma in posizione molto defilata, quasi sulla linea di porta, vede il portiere non piazzato a difendere la porta e con un destro di esterno lo beffa (non chiedeteci coma abbia fatto, si si, esterno destro dalla sinistra) siglando lo 0-1.

    Da qui, partita che sembra in discesa, la Vigor ha il pallino del gioco tra i piedi e la tanta acqua, da un cross velenoso di Dileo, una sfortunata quanto goffa respinta di testa del difensore centrale di casa, porta il risultato sullo 0-2.

    Non può mancare l'acuto del capocannoniere della squadra, Fragalà, che quasi da centrocampo lascia partire un destro di rara bellezza e potenza che solo la sfortuna fa finire a lato del 7.
    Ci prova anche Arcella con un tiro al volo dal limite dell'area avversaria, ma anche questo tentativo è alto.

    Il 3-0 arriva da un lancio dell'ormai "veterano" esperto di questo terreno di gioco, Petracca, che pesca Sposato centralmente, la punta vigorosa travolge il difensore e con un delizioso pallonetto sigla lo 0-3.

    Ripresa con poche emozioni, la Vigor, è proprio il caso di dirlo, tira i remi in barca, il terreno è molto pesante ed i giocatori in campo ne risentono, Fragalà è il faro di questa partita, tutte le azioni passano da lui, il Conflenti cerca il gol della bandiera e ci va pure vicino con un tiro da appena dentro l'area della Vigor ma che Petracca devia sul palo. Qualche calcio d'angolo, qualche altra occasione di Sposato e tra le sostituzioni ed un acquazzone finale i tre punti sono nel bagagliaio della Vigor Old Boys.

     

    Le Pagelle

    Petracca: 7
    Ama questo campo, è dove l'anno prima era andato in gol, calciando una rimessa in gioco dalla propria area di rigore e dove oggi, ha regalato 2 assist, uno trasformato da Sposato ed uno mancato da Fragalà.
    Il voto non è per gli assist, ma per i due interventi, uno sul tiro deviato sul palo ed uno su un secondo tiro deviato in corner.
    #simanontimuntariatestacastavamu3a0

    Defina P.: 7
    Non ha paura dell'acqua, anche se esce con la divisa immacolata, come abbia fatto lo sa solo lui. Dalle sue parti nessun problema, sa vitti ijiu, nel secondo tempo regala un dribling secco seguito da un passaggio filtrante, u vi a Petru, ma è nel primo tempo che da il meglio di se, quando, dopo aver colpito involontariamente l'avversario all'altezza del ginocchio gli chiede: "non ce li hai i parastinchi?"
    #unsignore

    Valenzise: 7
    La solita partita accorta, usa al massimo il fisico, di testa, di piede, comu veni veni, ma la palla non deve rimbalzare, figuriamoci se la lascia cadere nell'acqua. Gli avversari si alternano nella sua zona, non gliene frega nulla.
    #diquanonsipassa

    Liberto: 7
    Anche lui come il suo compagno di reparto è accorto e prudente, non troppo quando perde palla nello stagno, niente danni. Ha avuto anche la possibilità di poter tentare di metterla dentro su un paio di calcio d'angolo, fosse stato più deciso. Gli diamo mezzo voto in più per la faccia del commissario di campo quando guardava verso le montagne impaurito dal rumore dei tuoni.
    #noneranotuoni

    Cannatà: 7
    Oggi i suoi lanci son serviti, perchè impossibile giocare palla a terra, aspetta, aspetta che ha saltato un paio di volte di testa in perfetta sincronia col pallone colpendolo con la fronte.
    #forsehaimparato

    Piperno: 6,5
    E' un difensivista, tende più a coprire la sua zona che non aggredire quella avversaria, così facendo sembra mettersi d'accordo con l'avversario e praticamente da li se la giocano a falli laterali. Però è invogliato ogni tanto a galoppare, o meglio a nuotare, si presenta in area avversaria, potrebbe timbrare il gol, ma niente, è più forte di lui, la deve passare.
    #primaopoidevearrivarematutiraognitanto

    Dileo: 7
    Partita di quantità la sua, ostinato a cercare il passaggio rasoterra, ma appena partiva il pallone, doveva riprenderlo perchè inchiodato a terra in una pozzanghera. distratto molte volte, in stile partitella di allenamento, si fermava in mezzo al campo a dare indicazioni. L'esperienza però c'è e si vede, qualche fallo, qualche pallonata, qualche lancio e da un suo cross arriva lo 0-2, ma quella calzamaglia di lana, non ci potia guardari, dopo 2 minuti di gioco cade nella zona più allagata del campo, lui che non vanta un' altezza invidiabile, è sommerso in un istante.
    #sololacalzamagliapesava200kg

    Garcea:  7
    La montagna elegante. A guardarlo sembra un toro imbizzarrito, ma tratta il pallone con delicatezza, guai a cercare di portarglielo via, sembra la mamma coi suoi piccoli. Lotta, combatte, è sempre in proposizione, ma deve arrendersi dopo 25 minuti per un vecchio problema al polpaccio.
    #ndividimusuluugiovedì

    Menniti: 7
    Si, abbiamo capito che ha il fisico per correre, ma non è che può soltanto correre, ogni tanto facciamolo giocare. Praticamente la sua fascia è asciutta per quante volte è andato avanti e dietro, tra attacco e difesa, molte volte è andato anche dove non doveva. Ma quel destro!!!! Se lo usasse anche per calciare, giovedì avrebbe dovuto portare i dolci.

    Fragalà: 7
    Tutte le azioni passano dai suoi piedi, dalle sue invenzioni, dai suoi assist. Anche la nebbia avrebbe applaudito se fosse entrato quel tiro da quasi centrocampo.
    #èmancatosoloilgol

    Sposato: 8
    Quando non ci sono i compagni di reparto e quindi deve fare tutto lui, accontenta tutta la categoria dei metalmeccanici. Prende a sportellate chiunque gli si mette davanti, di lato ed anche dietro, così si fa spazio tra i difensori che cadono al suo passaggio neanche fosse un caterpillar, però, quello che non ti aspetti te lo regala: di esterno destro, quasi dal fondo sulla sinistra la insacca, ancora, travolge i difensori ed invece di sfondare rete e porta, batte il portiere con un dolce pallonetto. Lo vedi sorridere quando, nel secondo tempo, dopo l'ennesimo tiro in porta il portiere avversario gli dice: "e si chi ti paria ca mu signavi?"
    #poiilportiereabbandonaperunpresuntoinfortunio

    Arcella: 7,5
    Piccolo furetto, è in grandissimo spolvero, certo, con tutta quell'acqua non c'era un granello di polvere, ma lui sembrava alzarla da terra comunque, ha corso, ha recuperato palloni, ha preso le redini del centrocampo, ha saltato di testa, si si si si, di testa, sovrastando anche qualche suo compagno di squadra, ha fatto anche meta, sorridente sa di aver sfiorato il gol.
    #quantociseimancato

    Naccari: 6,5
    Buon esordio, forza, esperienza e determinazione in campo, recupera e gioca un moltitudine di palloni.
    #daràunagrossamano

    Cuzzucoli: 6,5
    Fantasista dietro l'unica punta, buone le triangolazioni e le trame di gioco.

    Pisani: 6,5
    Lo piazzano unica punta, tanto movimento e da tantissimo fastidio alla retroguardia avversaria con la sua corsa, è fastidioso perchè sa dove e quando inserirsi, qualche giocata di prima frettolosa.
    #hasempreleideegiustemalarealizzazioneèquellochelof

    Fabrizio: s.v.
    pochi minuti per lui che rientra da un periodo di antibiotici.
    #comumisugiudiziunciucacciaru

    Di Bella: 5
    Non ha giocato perchè infortunato, ma chiji cazetti non nci potenu guardari: calze Di Bella

    Dileo F.: 8
    Nessuno avrebbe scommesso sulla sua presenza in campo fin dall'inizio, ma è stata la mossa giusta, ma la più azzeccata ed anche qui nessuno avrebbe scommesso 1 euro, è stata la sostituzione, forzata, di Garcea con Arcella.
    #tistudianottiontobagnu

     

    Pubblicato in Partite

    Amatori Pianopoli - Vigor Old Boys : 2 - 0

    Tarda ancora ad arrivare la prima vittoria esterna stagionale per la Vigor Old Boys. La compagine santonofrese viene sconfitta su un campo tradizionalmente ostico ai ragazzi di Mister Di Leo, lo stadio comunale in erbetta sintetica di Pianopoli. Questa volta gli avversari sono gli Amatori Pianopoli, squadra nettamente rinforzatasi rispetto alla scorsa stagione e candidata a lottare per le primissime posizioni del campionato amatori UISP di Catanzaro.

    La gara si presenta come un momento di confronto tra due formazioni forti: la Vigor determinata a far punti per rimanere in scia alle squadre in testa alla classifica, gli Amatori Pianopoli alla ricerca di una vittoria casalinga utile a staccare di qualche punto una diretta avversaria. A causa di infortuni e malanni dell'ultimo momento, la Vigor si ritrova ad affrontare la partita con una rosa ridotta e quindi con soluzioni tecniche e tattiche limitate. Nonostante ciò il primo tempo dei "vigorosi" è nel complesso più che buono. Il solito ordine tattico e la ricerca immediata di verticalizzazioni e scarichi sulle fasce portano la squadra a produrre più del solito, ma le tre chiare occasioni da gol capitate sui piedi degli ospiti non terminano il loro viaggio in rete.

    Da parte loro, gli Amatori Pianopoli schierano una squadra forte sotto l'aspetto fisico, tattico e con uomini tecnici in trequarti e veloci sulle fasce. Il primo tempo è equilibrato e si chiude sullo 0 a 0.
    Nel secondo tempo, sopratutto grazie agli ottimi subentri dalla panchina, gli Amatori Pianopoli prendono il sopravvento e trovano il gol grazie ad una incursione sulla fascia conclusasi con un rasoterra all'indietro dal fondo e insaccato con potenza dell'attaccante.

    Per tentare di agguantare il pareggio la Vigor passa ad un 4-3-1-2 ma il muro difensivo ed il buon palleggio della squadra avversaria rendono ardua l'impresa. A quindici minuti dalla fine i padroni di casa trovano il raddoppio con una prodezza in acrobazia del loro numero nove e la gara si avvia alla conclusione.

    Da qui alla sosta natalizia mancano ancora tre gare. L'imperativo per la Vigor Old Boys è vincerle tutte e riuscire a sfatare il tabù della prima vittoria esterna stagionale, in modo da poter ripartire carica nel 2018 e ripetere l'impresa della scorsa stagione, quando, partendo dalle retrovie della classifica, la squadra riuscì a giocare un girone di ritorno impeccabile conquistando la partecipazione ai play-off... per poi vincerli!

    Le Pagelle

    Petracca: 6
    Inoperoso per 60 minuti, non ha più batteria nel cellulare, l'ha consumata giocando a Fifa Mobile in attesa di ricevere un tiro in porta. quando il cellulare segna batteria scarica si ritrova sotto di due gol. Nulla può comunque fare sugli unici due tiri di tutta la gara.
    #ancorainoperoso

    De Fina: 6
    Davanti si presenta un 33, non è Gesù Cristo, ma un folletto piccolo, veloce e sgusciante, gli unici 4 capelli scuri che gli erano rimasti sbiancano. Tutta la partita a cercare di marginare quel diavoletto, da un momento all'altro ci si aspetta che chieda il cambio per il giramento di testa, invece fino alla fine, in un modo o nell'altro gli tiene testa.
    #finoallafine

    Valenzise: 5,5
    Nessun problema per 60 minuti, quasi quasi chiede a Petracca se può giocare a Fifa Mobile con lui. Si ricorda di essere in campo e su un calcio d'angolo sfiora il gol dell'anno su sforbiciata.
    10 minuti fatali, prima il gol del vantaggio avversario. Partita finita, è già negli spogliatoi.
    #uploadingfifamobile

    Liberto: 5,5
    Anche oggi il vigile della difesa, addirittura qualche lancio d'esterno, chiama i compagni neanche fosse Baresi, si ricorda di essere Costacurta, anzi, gaba "curta", non raggiunge per qualche centimetro la palla che vale il vantaggio avversario.
    #trivelaspuntata

    Artusa: 6
    Come il compagno di difesa opposto, anche lui ha a che fare con un esterno che lo punta spesso e cerca di metterlo in difficoltà, ma il re del sabato sera è lui e da li non si balla.
    Spostato a centrocampo l'avversario esulta.
    #unavitadamediano #mameglioterzino

    Piperno: 5,5
    Da cuore ed anima, ma l'esterno non gli entra nel DNA, hai voglia a dirgli di puntare in porta, moooo mooo, nella sua mente è abituato a difendere la porta ed a recuperare palloni.
    Spostato a terzino sinistro è la fine, non si può pretendere, quando la lineetta dell'energia è in rosso, di riuscire a coprire un furetto.
    #cuordileone

    Di Bella: 6
    Gli anni passano, glielo si legge nelle linee bianche della barbetta. a fine primo tempo, negli spogliatoi, cerca di dire qualcosa, non nci nesci mancu a vuci, ma non ha bisogno di parlare, basta guardarlo in campo, incantarsi e prendere appunti.
    #ultimodeimoicani

    Lo Gatto: 4,5
    Chissà se poi li ha comprati i  k-way? Ha fatto di tutto: il centrocampista offensivo, l'attaccante, il terzino, il disturbatore, il pressing alto, la seconda punta, il difensore centrale. Ha tanta buona volontà e ottima forma fisica che vorrebbe fare non il dodicesimo in campo, ma tutti gli undici. Peccato che si dimentica di fare l'unica cosa che gli chiese il mister: il centrocampista.
    #petrusinu

    Menniti: 6,5
    IL migliore in campo. Pensate, ora, sa fare l'esterno. Si è impegnato talmente tanto che tutta la squadra è contenta di lui. Ha corsa, riesce a capire quando deve inserirsi, arriva anche al tiro.
    Ma è stanchissimo, non gli si può chiedere più nulla.
    #chapeau

    Fragalà: 6
    Quando gira lui, l'intera squadra ne giova. Come al solito, qualche tunnel, qualche dribling e tanti calci. Non gliene frega nulla, tanto la fisioterapia è gratis. Da applausi l'assist millimetrico per la punta. Peccato per quel pallone troppo sotto e vicino al portiere, avremmo raccontato un'altra sotria.
    #butterfly

    Sposato: 5
    Chiedere di fare reparto a se non si può pretendere, specie quando hai difensori esperti ed accorti. Eppure le occasioni non son mancate, ha preso il vizio di dover per forza fare l'eurogoal, maledetta playstation, o gli togliamo Sky o non tirerà mai di prima e di punta.
    #rinviatoasettembre

    Minasi: 6
    "Ciccio, entra e stai attento a quel 33"
    "va bene Mister..."
    Neanche il tempo di finire la frase ed una "panzata" accappotta l'avversario.
    #allalettera.

    Cuzzucoli, Cammarata, De Fina G: s.v.
    Ero sotto la doccia. :)

    Di Leo F.: 5,5
    Con tante assenze non è facile inventare una formazione competitiva. Ci riesce a metà.
    Voto basso perchè non ha pensato alla più facile delle mosse, lui è un centrocampista.

    Pubblicato in Partite

    Contatta il Presidente: +39 331 79 14 100

    Contatore visite

    Chi è on-line

    Abbiamo 25 visitatori e un utente online

    Mappa

    © 2017 Vigor Old Boys. All Rights Reserved. Designed By www.alexsitiweb.it - Photographer Emanuele Cannatà