• Via San Gerardo - Sant'Onofrio
  • +39 331 79 14 100
  • info@vigoroldboys.it

    Articoli

    Articoli filtrati per data: Aprile 2018

    Lunedì, 16 Aprile 2018 08:50

    Girifalco - Vigor Old Boys: 0 - 2

    Girifalco - Vigor Old Boys: 0 - 2
    Cannatà
    Fragalà

    È la vittoria della maturità quella che la Vigor Old Boys riesce a conquistare sul campo del Girifalco.
    Come è fisiologico che succeda, la parte conclusiva della stagione sportiva porta con sè strascichi di stanchezza fisica e risultati da conquistare con le unghie. A volte può succedere di andare fuori giri per la troppa ansia di conquistare i tre punti, di perdere gli equilibri a causa dell'assenza di qualche punto di riferimento in campo o di innervosirsi con gli avversari e rendere ancora più difficile una partita, sopratutto in trasferta. Questo, però, è quello che i ragazzi di Mister Di Leo sono riusciti ad evitare, dimostrando di aver raggiunto un ulteriore livello di maturazione, frutto di un percorso di crescita collettivo, lungo e desiderato.

    La gara è importante e, nonostante il Girifalco graviti nella parte bassa della classifica, le forze in campo sembrano equivalersi sin dai primi minuti. Il primo tempo scorre lento e vede la Vigor intenta a mantenere l'ordine tattico ed il Girifalco provare a rendersi pericoloso con conclusioni dalla lunga distanza. Due le occasioni da annotare nel taccuino della cronaca, una per parte: prima Pezzo sparacchia a lato da posizione favorevole un ottimo cross dalla sinistra; poi l'estremo difensore "vigoroso" smanaccia in volo plastico un preciso pallone diretto all'incrocio dei pali.

    L'intervallo passa in fretta. Il Girifalco riprende la gara convinto a non cedere il passo e la Vigor pronta a trasformare la pazienza dimostrata in cinismo. Alla pazienza ed al cinismo si abbina un pizzico di fortuna, che non guasta mai. Infatti, al decimo della ripresa Cannatà riesce a realizzare un calcio di punizione dal limite deviato dalla barriera avversaria. Vigor in vantaggio.

    L'episodio sblocca la gara. Gli ospiti si galvanizzano, si compattano e riescono in poco tempo a raddoppiare con Fragalà, che sfrutta al meglio l'ottimo assist di Cammarata e trasforma in gol una bella azione di squadra. Il Girifalco prova a reagire ma, non avendo a disposizione un attacco pungente, riesce a rendersi pericoloso solo con conclusioni dalla lunga distanza. L'ultima parte di gara non presenta ritmi altissimi e la Vigor conduce con calma la gara al termine. Le prestazioni dei singoli sono state buone e si sono mediamente eguagliate, con l'unica eccezione del puntualissimo Pietro Defina, pronto a chiudere più di una volta la diagonale difensiva e sicuro nel sopperire alla scarsa copertura difensiva del centrocampista di fascia.

    A fine gara per la Vigor arrivano buone notizie dallo stadio comunale di Pianopoli. La capolista Fiorentina Bis conquista i tre punti in trasferta e consente così alla Vigor di allungare di ulteriori tre punti sulla diretta avversaria.

    Il secondo posto è così consolidato. Un solo punto da conquistare per la certezza matematica.
    Poi...saranno finali regionali UISP.

    Pubblicato in Partite
    Domenica, 08 Aprile 2018 09:21

    Vigor Old Boys - Amatori Marcellinara = 3-2

    Vigor Old Boys - Amatoriali Marcellinara = 3-2

    Di Bella, Pezzo, Lo Gatto, Artusa, Valenzise, sono gli indisponibili della Vigor per la gara contro l'ostico Marcellinara, compagine che all'andata si aggiudicò i 3 punti in palio.
    Mr. Di Leo, ancora una volta deve ridisegnare la squadra da far scendere in campo, ma da buon architetto, matita, righello e le misure son presto trovate.
    Petracca in porta, linea difensiva con Minasi, Liberto, Fragalà e Cannatà, centrocampo con Piperno, Naccari, Di Leo, Arcella, linea offensiva con Tamburro e Sposato.

    Pronti via e la gara ha un solo senso, quello unico verso la porta ospite, è subito Fragalà che sfiora il gol, tapin su calcio d'angolo che si spegne a lato. La Vigor gioca, il Marcellinara si difende come può ed invano cerca la via del gol con lanci lunghi, ma il gol è dietro l'angolo, o meglio, dal calcio di punizione battuto da Di Leo, Sposato salta di testa ma non impatta, la palla carambola su un difensore ed aquila Fragalà si avventa mettendo in rete. 1-0

    E' Sposato che cerca più volte la via del gol, ma la troppa voglia e potenza prima, tiro a tu per tu col portiere malamente finito alto sopra la traversa e la troppo sfortuna poi, tiro che si stampa sulla traversa, gli negano la gioia.

    Intanto, ad incitare i 18 in campo ed in panchina vigorosi, a bordo campo si schierano tutti gli indisponibili ed a sorpresa è presente il neo eletto alla Camera dei Deputati per il M5S l'amico e compagno di squadra Riccardo Tucci, che per tutti rimane Ricky.

    Da li a poco il raddoppio di Tamburro con un tiro potente e preciso dal limite su cui l'estremo difensore non può nulla.
    Il tre a zero arriva grazie ad una sfortunata deviazione di un difensore avversario su cui l'estremo portiere ospite nulla può fare.
    Finita la gara.

    Si, perchè i vigorosi credono di essere già sotto la doccia e magari coi piedi sotto al tavolo, dimenticando che ancora c'è un intero mezzo tempo da giocare.

    Infatti la ripresa è giocata al centro del campo con i vigorosi che si affacciano poche volte davanti la porta avversaria e con tiri da fuori o su calci piazzati.
    E' il Marcellinara che, con i soliti lanci lunghi, crea non pochi grattacapi alla difesa di casa, con gli attaccanti veloci che spesso sfuggono al controllo dei difensori.
    Il gol del 3-1 arriva comunque da un tiro da fuori area, velenoso, preciso e secco che si infila all'angolino basso alla destra di Petracca, che nulla può fare.

    E' un tiro-cross da destra, che scavalca Petracca, tocca traversa e palo e si infila in porta siglando il 3-2.
    Da qui in poi poche emozioni, perchè stanchezza e primi caldi hanno la meglio sui 22 in campo.
    Fischio finale ed i 3 punti sono aggiudicati, ma la gioia a fine gara è doppia, perchè buone nuove arrivano dai cugini di Filadelfia, che battono il Pianopoli per 2 reti a zero, permettendo così ai ragazzi del presidente Di Leo di allungare sul Pianopoli di 6 lunghezze e consolidare il secondo posto in classifica.

    Ora mente al prossimo impegno, sabato prossimo in trasferta a Girifalco, sperando di recuperare qualche acciaccato e di continuare la scia di vittorie.

     Le Pagelle

    Petracca: 5,5
    Anche oggi le solite rimesse dal fondo, i milioni di palloni recuperati fuori dal campo, qualche uscita, saluti abbracci e foto con tutti. Ma oggi qualcosa di diverso c'è: un tiro impossibile da parare, tanto che il tentativo di intercettare lo porta a sbattere con la testa sul palo. Forse è il bernoccolo che lo distrae sulla palla alta che finisce inesorabilmente alle sue spalle.
    #testatosta

    Minasi: 6,5
    Roccioso, inesorabile, concentrato, non tradisce le aspettative di giocatore serio e didito al compito assegnatogli. Si, ma non ti muntari a testa, perchè la marcatura ad "uomo"  ha sfiorato la censura pornografica (vedere gallery fotografica). Stoico, quando dopo aver fatto fallo, non chiede neanche scusa all'avversario ed a testa dritta riprende il suo posto in difesa.
    #therock

    Fragalà: 6
    Sacrificato al centro della difesa, soffre non poter fare i suoi soliti dribling, ma è sempre il falco dell'area avversaria, il primo tapin è fuori, ma il secondo non perdona e gonfia la rete.
    Comunque fa valere la sua esperienza con anticipi di piede e di testa, è sempre propositivo a ricevere palla ed alimentare qualche azione.
    Peccato, nella seconda frazione anche lui ha già la testa alla partita di tennis del giorno dopo.
    #piùNadalcheBaresi

    Liberto: 5,5
    La sua partita più brutta di tutto il campionato. Non anticipa mai il pallone, lo affronta dopo il secondo o il terzo rimbalzo. Ma noi sappiamo il motivo.
    Spesso è in ritardo sull'avversario di turno commettendo inesorabilmente fallo. Ma noi sappiamo il motivo.
    Il motivo? Il mezzo panino col salame rubato al figlio di Pietro prima di entrare in campo.
    #nondassinenti

    Cannatà: 6
    Arrivati ad una certa età è inutile tentare di raddrizzare l'albero, oramai è storto e non ci puoi fare più nulla. Si ok i proverbi, ma lui non è alle soglie della pensione!!!!
    Ma continua ostinatamente a cercare di emulare il migliore Chiellini, tentando di cambiare gioco, non da terzino sinistro ad esterno destro, ma da terzino a terzino, ma gli riconosciamo che è un ottimo metodo per far morire i vermi ed è completamente inutile, oramai, ricordargli di stare un paio di metri dietro, per evitare che l'esterno lo infili alle spalle (salvato da un fuorigioco dubbio).
    Tatticismi a parte, è propositivo in fase di costruzione e non ha molti grattacapi in fase difensiva.
    #haivogliaagridare

    Piperno: 5,5
    Esterno destro alto, non capiamo perchè tende ad arretrare ed accentrarsi anzichè allargarsi e sfruttare gli spazi vuoti. Certo combatte, aiuta a costruire azioni, difende, ma con Minasi, Naccari, Di Leo e Tamburro, c'è traffico e ci si infila anche lui, ma questo perchè gli piace fare "tavula", porta le birre e le patatine ed il resto è solo noia.
    #dategliunabirra

    Di Leo: 5,5
    Al centro del campo, tenta oggi di rendersi utile, ma lui è tattico, allora per tenere alta la concentrazione dei suoi, passa la palla agli avversari anzichè ai compagni. Certo con Naccari non sono la miglior coppia di centrocampo, ma alla fine, tra affanno e caldo abdica ad inizio secondo tempo. Rientra in panchina sul 3-2 e da rosso per la fatica diventa verde per la rabbia.
    #mancuadocciatipofari

    Naccari: 6
    Centrocampista di quantità, corsa e pressing su tutti i palloni. Molte volte è nel fulcro delle azioni, spesso arriva anche a conclusione in porta, ha qualche problema con gli stop, forse dovrebbe passare dall'elettrauto.
    #masempreutile

    Arcella: 5,5
    Oggi si è dedicato a salutare il deputato ed a guardare la partita.
    #allaprossima

    Tamburro: 7
    Quando viene sostituito l' allenatore del Marcellinara esulta e dalla sua panchina parte la ola.
    #sispegnelapartita

    Sposato: 6
    Sportellate a parte, capiamo che le caratteristiche principali per un attaccante sono il cercare sempre la porta, ma non può abbattere gli avversari e cercare di saltarli tutti, ogni tanto è cosa buona e giusta passare la palla, ma è così e ci piace così (....nnnnzomma) comunque sia è molto attivo, "nci spundu i guanti" avrà pensato, solo davanti al portiere carica ad idrogeno e spara un missile terra/aria che abbatte le fronde dietro la porta avversaria. Ci riprova poco dopo ed il custode è costretto ad intervenire per riparare la traversa. Non c'è fortuna oggi.
    Nel secondo tempo ci riprova più volte e di testa manda altissimo sulla traversa un pallone comunque non facile.
    #maluièilbellodinotte

    Pisani: 6
    Molto mobile, pressa e si rende utile. Arriva anche a qualche conclusione in porta, di testa. Però non abbiamo capito in che ruolo è stato designato. Lo abbiamo visto in tutti i ruoli dal centrocampo in su.
    #incomprensibile

    Menniti: 6
    Esterno sinistro, qualche incursione, qualche cross ed un tiro in porta un pò sbilenco. Dovrebbe sfruttare un pò di più il fisico, capiamo che viene da un periodo di convalescenza, però qualche spallata puoi darla.
    #bentornatocomunque

    Cammarata: 6
    Si muove bene, sulla linea dei difensori crea non pochi grattacapi, ruba un pallone e si invola in contropiede, peccato non sia riuscito a sfruttarlo al meglio.
    #Inzaghideipoveri

    Pubblicato in Partite
    Lunedì, 02 Aprile 2018 11:21

    Lamezia Golfo - Vigor Old Boys : 2 - 4

    Lamezia Golfo - Vigor Old Boys : 2 - 4
    Sposato
    Sposato
    Cannatà
    Arcella

    Si risolve con una vittoria per la Vigor Old Boys il recupero della diciassettesima giornata contro il Lamezia Golfo, non giocata a febbraio per impraticabilità di campo.
    Il turno infrasettimanale giocato al mercoledì, l'inedito terreno di gioco in erba naturale e l'atipico orario dell'incontro (ore 20.30), non hanno impedito ai ragazzi di mister Di Leo di esprimersi al meglio.
    I tre punti sono stati sostanzialmente messi in cassaforte già dopo i primi quarantacinque minuti di gioco. La difesa del Lamezia Golfo nulla ha potuto contro un primo tempo condotto a gran ritmo e con buona qualità da parte della Vigor.

    Dopo qualche minuto ci pensa Sposato a sfruttare al meglio una delle solite sgroppate di Tamburro, realizzando da distanza ravvicinata. L'attaccante dei "vigorosi" si ripete qualche minuto dopo, siglando così una doppietta. Gli ospiti insistono e prima del riposo portano a quattro i gol di vantaggio: prima in seguito ad un'azione rapida sviluppata in verticale e conclusa con un preciso tiro diretto al sette di Arcella, che si conferma goleador di razza; successivamente con Cannatà, che ripete la prodezza di sabato scorso, stavolta trasformando uno splendido gol in controbalzo da circa trenta metri.
    Nella ripresa la Vigor controlla diligentemente la partita ed effettua una serie di cambi, utilizzando quasi tutte le risorse disponibili in panchina.

    I padroni di casa vanno comunque alla ricerca del gol della bandiera e, sfruttando un paio di occasioni fortuite e qualche piccola disattenzione dell'estremo difensore avversario, riescono ad accorciare le distanze chiudendo la gara sul 2 a 4.

    La pausa Pasquale dovrebbe consentire alla Vigor di recuperare almeno qualcuno dei numerosi infortunati dell'ultimo periodo, nella speranza che il duro colpo al ginocchio subito negli ultimi minuti di gara da capitan Artusa non sia nulla di grave.

    Dopo la sosta avrà inizio la volata finale alla conquista del secondo posto in classifica. Il diretto avversario sarà il Pianopoli, staccato di tre punti dalla Vigor ma con una partita giocata in meno.
    Quattro gare alla fine prima del responso finale!

    Pubblicato in Partite

    Contatta il Presidente: +39 331 79 14 100

    Contatore visite

    Chi è on-line

    Abbiamo 116 visitatori e 3 utenti online

    Mappa

    © 2017 Vigor Old Boys. All Rights Reserved. Designed By www.alexsitiweb.it - Photographer Emanuele Cannatà