• Via San Gerardo - Sant'Onofrio
  • +39 331 79 14 100
  • info@vigoroldboys.it

    Articoli

    Vigor Old Boys - Articoli filtrati per data: Febbraio 2018
    Giovedì, 22 Febbraio 2018 07:34

    Vigor Old Boys - Fiorentina: 1 - 0

    Vigor Old Boys - Fiorentina: 1 - 0

    Grande vittoria casalinga per la Vigor Old Boys che frena la cavalcata della capolista Fiorentina 10 bis, reduce da quattordici vittorie consecutive in campionato. Con un'ottima prova di carattere, ordine e sofferenza, la compagine santonofrese ribadisce la propria forza tra le mura amiche, portando ad otto le vittorie consecutive allo stadio Rizzo di Sant'Onofrio. Sotto lo sguardo attento del preparato direttore di gara Romeo, la partita ha inizio su ritmi alti e trame di gioco ben orchestrate da entrambe le squadre.

    Il 4-3-1-2 provato in allenamento e messo in campo dall'allenatore della Vigor sembra ormai rappresentare una valida opzione tattica sopratutto in casa, garantendo una buona copertura a centrocampo e, allo stesso tempo, un tridente assortito in grado di mettere in pericolo la porta avversaria. L'atteggiamento propositivo dei "vigorosi" favorisce il controllo del possesso palla e la conquista di un calcio di punizione poco fuori l'area di rigore. Sulla palla si presenta Tamburro che, con un potente tiro di interno sinistro, riesce a superare il portiere della Fiorentina 10 bis e portare in vantaggio la propria squadra.
    I viola accusano il colpo mentre la Vigor continua con determinazione a lottare su ogni pallone, sfiorando il raddoppio in un paio di occasioni e colpendo un palo intorno alla mezz'ora di gioco. Gli ultimi dieci minuti della prima frazione vedono gli ospiti più decisi nel cercare il pareggio ma tutti i tentativi si infrangono su una difesa rocciosa e ben diretta dai due centrali Liberto e Valenzise.

    La ripresa parte su ritmi più blandi ma registra con il passare dei minuti un progressivo aumento della pressione della squadra in svantaggio. Sempre nel rispetto dell'avversario, la gara diviene più maschia e si vivacizza quando Petracca devia sul palo un tiro dalla distanza di un centrocampista viola. Da quel momento in poi la Vigor entra in apnea, commette l'errore di abbassare troppo il baricentro della squadra e subisce il gioco degli avversari. Nonostante una linea di centrocampo praticamente sovrapposta a quella difensiva, con sofferenza e caparbietà gli undici di casa riescono a non subire il pareggio nel momento di massima pressione degli ospiti.

    Gli ultimi minuti di gara vedono confrontarsi due squadre molto lunghe: la Fiorentina con quattro attaccanti propositivi e la Vigor pericolosa in contropiede in piú di una circostanza. C'è però ancora tempo per un'ultima emozione, quando l'attaccante viola colpisce di testa da distanza ravvicinata e la palla si avvia verso la linea di porta...terminando la sua corsa sul legno destro della porta "vigorosa". La gara si chiude sull'uno a zero e la Vigor conquista i tre punti e la terza posizione in classifica.

    Anche in questa stagione il girone di ritorno sorride alla Vigor Old Boys, sinonimo di gruppo coeso, caparbietà e lavoro sul campo e fuori. Una menzione di riguardo al veterano Arcella, al rientro da titolare ed in splendida forma nel ruolo di terzino sinistro.

    Le Pagelle

    Petracca: 7
    Da ferrero Rocher a dirigente Anas, gliene dicono di tutte quando scende in campo con i suoi colori sgargianti, mancavano solo i guanti gialli!!! Però a fine partita sono tutti da lui a complimentarsi perchè "para pure le mosche".
    #lanostradiga

    Piperno: 6+
    Il + è di stima e per l'impegno, sballottato dall'inizio del campionato su ogni buco possibile degli 11 ruoli disponibili in campo, è difficile migliorare l'intesa coi compagni e col ruolo. Da centrocampista interno a quelo esterno, da terzino sinistro a quello destro, da sempre il massimo e non possiamo pretendere che tra una birra ed un'altra si ricordi di tutti i movimenti che deve fare in campo.
    #iltuttofare

    Valenzise: 7
    Il solito scassap... per i compagni e soprattutto per gli avversari, non da tregua a chiunque sia l'attaccante di turno, basso, alto, roccioso o gracile, non gliene frega nulla, rumba di testa, di piede, sulle palle alte è difficile che gli avversari respirino, alza un muro anche sui tiri in porta degli avversari. Finisce la gara col timbro Kappa sulla coscia.
    #thewall

    Liberto: 7
    L'ultimo baluardo è sempre lui, in fase di copertura preventiva non ci sono eguali. Lo vedi come sempre chiudere a destra e sinistra alle spalle dei suoi compagni di reparto, a mettere pezze su ogni palla sporca o palla filtrante. Dal suo piede "trivelato" parte la punizione che porterà al vantaggio.
    #lochiamavanoPeppetrivela

    Arcella: 7
    Onestamente avevamo qualche dubbio sul suo impiego da terzino, ma si si si si si si si si siamo contenti che ci abbia smentito. Ottimo in fase difensiva, tiene la posizione in linea coi compagni, chiude ed è anche utile DI TESTA IN AREA, vidi tu!!!! Lo vedi al 90° fluidificare sulla sinistra in fase propositiva puntando la porta avversaria.
    #bentornatoTITITI

    Pezzo: 6,5
    Ha corso tantissimo, il modulo non gli permette di sgroppare come vorrebbe sulla linea del fallo laterale e va un pò in crisi, il centro non gli piace molto, ma lo spirito di sacrificio non gli manca ed allora lo vedi in un centrocampo a tre che tesse trame per il gioco di squadra. A 4 nel secondo tempo, scioglie le trecce al cavallo e gli avversari treeeemanooo!!!
    #ballapernoiballaballa

    Artusa: 8
    90 minuti di applausi. Mi sa che la cura Bar gli fa bene. Corre come un matto ed è in tutte le fotografie, perchè dove c'è il pallone c'è lui che combatte per recuperarlo. Davanti la difesa è preziosissimo per la fase difensiva, da li non si passa in nessun modo, ottimo anche in fase propositiva, l'abbiamo visto driblare ed aprire il gioco.
    #cosasivuoledipiù

    Lo Gatto: 7
    E' in netta ripresa, lo vedi, come al solito, strafare, in buona fede. In pressing anche sui terzini!! E' il terzo di centrocampo, non sfonda in fase di proposizione, perchè dal lato suo c'è troppo traffico. In mezzo lotta come al suo solito e diversamente dal normale è lui che prende calci. Che stia leggendo anche lui il Libro Cuore?
    #vedraisolo8

    Fragalà: 6,5
    Baricentro un pò più in basso del solito, forse le due punte davanti a lui occupano il suo spazio, sempre prezioso in fase di possesso, con le sue finte, stop orientati e lanci illuminanti, meno in fase di orientamento della squadra e questo facilita il possesso avversario, ma senza di lui le azioni non avrebbero un'anima.
    #sottotony

    Sposato: 6
    Da seconda punta lo vediamo stazionare, stranamente, sull'esterno della sinistra, forse c'è qulacuno in tribuna che deve salutare... ma non vediamo nessuno. Poco propositivo in avanti, qualche possesso palla e qualche punizione procurata. Oggi riposo.
    #quandoserve

    Tamburro: 7
    Gol a parte, partita difficile la sua. E' tallonato da ottimi difensori che non gli danno respiro, prende più calci del solito, ma è sempre li a trascinare mezza difesa dietro alla sua corsa e forza fisica. E' costretto a navigare lontano dalla porta avversaria e prova a perdere qualche pallone con tiri da fuori area, ma dalla piastrella da fuori area non perdona.
    #cecchino

    Di Bella: 6,5
    Entra per dare un pò di calma e camomilla a centrocampo. L'atteggiamento c'è, anche la posizione: praticamente è li in mezzo a chiedere palla in ogni azione e non si muove. A fine gara scopriamo che è entrato per testare le condizioni fisiche.
    #nonndaviatempuntasimana?

    Di Leo: 8
    Imbriglia il centrocampo avversario con 3 centrocampisti. Inventa un esterno dedito all'attacco a terzino. Sfrutta al massimo anche chi non è in ottime condizioni. Vince contro la prima in classifica che non aveva mai ne perso ne pareggiato in campionato.
    #lapanchinadellanazionaleèlibera

    Pubblicato in Partite
    Lunedì, 12 Febbraio 2018 21:52

    Filadelfia - Vigor Old Boys : 1 - 1

    Filadelfia - Vigor Old Boys : 1 - 1

    Un'altra bella e appassionante gara da annotare nel taccuino del campionato amatori UISP di Catanzaro. La sfida per le prime posizioni della classifica tra il Filadelfia e la Vigor Old Boys di Sant'Onofrio termina con un pareggio, a conclusione di novanta minuti pieni di calcio giocato, sano agonismo e correttezza. La Vigor si ritrova ad affrontare i diretti concorrenti con diverse defezioni in rosa, sopratutto nel reparto offensivo. Mister Dileo deve quindi trovare un nuovo assetto tattico e fare i conti con un terreno di gioco in erba sintetica che, sopratutto a causa delle critiche condizioni climatiche, rende molto difficoltoso il controllo di palla dei vigorosi, non abituati a giocare su terreni con tali caratteristiche.

    Il Filadelfia si presenta con un atteggiamento molto determinato e con la voglia di riuscire ad invertire il trend di sconfitte consecutive subite dalla compagine santonofrese nelle ultime due stagioni. I padroni di casa partono subito bene, prendendo il sopravvento nel gioco e riuscendo ad inibire le azioni degli ospiti grazie ad una difesa molto alta e di grande esperienza. Al ventesimo la mole di gioco prodotta dal Filadelfia si trasforma in gol, quando l'attaccante di casa insacca prontamente un bel cross teso proveniente dalla fascia sinistra. Nei minuti successivi la Vigor soffre e non riesce a riproporsi in attacco ma, allo stesso tempo, riesce a mantenere la calma e le posizioni, chiudendo il primo tempo sotto di una sola rete.

    Ed é proprio negli spogliatoi che la partita sembra svoltare. Un paio di correzioni tattiche, qualche consiglio tecnico sulla gestione della palla ed una importante reazione caratteriale di squadra danno il giusto slancio agli ospiti. La ripresa riparte su buoni ritmi ma ora la Vigor dà l'impressione di potersi rendere pericolosa. Il Filadelfia non molla ma inizia a cedere qualcosa dal punto di vista atletico, senza peró mai rinunciare alla difesa alta ed alla costruzione di azioni pericolose. I vigorosi corrono, si sacrificano ed a metà del secondo tempo trovano il pareggio grazie alla collaudata trama di gioco che consente a Fragalá di lanciare Pezzo in profonditá, dandogli la possibilitá di avvicinarsi alla porta avversaria e servire Cammarata, che ribadisce prontamente in rete con un tocco di interno destro.


    Nell'ultima parte della gara le squadre rispondono entrambe colpo su colpo. La Vigor sfiora il colpaccio ancora con Cammarata, che stavolta si fa ipnotizzare da distanza ravvicinata dal portiere avversario. Il Filadelfia colpisce la traversa con un tiro da fuori area e si rende pericoloso in altre circostanze ma il portiere della Vigor é attento e ben protetto da una fase difensiva compatta. Dopo quattro minuti di recupero il direttore di gara fischia la fine. La Vigor porta a casa un ottimo punto fuori casa, avendo affrontato una squadra forte su un terreno di gioco molto ostico. Il Filadelfia rimane con l'amaro in bocca per non essere riuscito a recuperare punti preziosi in classifica ad una diretta avversaria. Di sicuro entrambe le squadre possono essere orgogliose dello spirito e del gioco messo in campo.
    Sabato prossimo un'altra sfida fondamentale per il proseguo del campionato attende la Vigor Old Boys: allo stadio Rizzo di Sant'Onofrio arriva la capolista Fiorentina Bis, ancora imbattuta in questa stagione.
    Avanti!

    LE PAGELLE

    Petracca: 7
    Finalmene si è divertito, almeno 3 gli interventi decisivi che salvano il risultato, appare sempre sicuro, come quando in pizzeria è seduto sullo sgabello con l'arancino in mano, i guanti nuovi GIALLI, gli portano bene, nulla può fare sul pallone velenoso del vantaggio dei padroni di casa.
    #habattutoalmeno50rimessedalfondo

    Defina P.: 5,5
    Dalle sue parti viaggia un esterno fastidiosissimo e non contenti, una delle due punte staziona nella sua zona: panico. A cu mi pigghjiu moni?
    Ci mette sempre la stessa disciplina di sempre, mai a vederlo cattivo, mai, soprattutto quando di testa la cicca e l'attaccante è quasi a portata di tiro in porta.
    #impaurito

    Valenzise: 6
    Soffre i piccoletti dal basso baricentro, volarria mi mpatica, ma il regolamento non lo prevede, quindi li tallona da vicino, qualche calcetto lo da, non rischia niente e non gliene frega nulla di mandare il pallone in tribuna. In casa si guarda bene dal farlo per le ire del DS. Finisce la gara marcando una montagna che cammina.
    #conlattaccanteavversariosonoduemontagne

    Liberto: 5,5
    Quando c'è da marcare non gli piace tanto, preferisce più libertà di movimento, appare preoccupatissimo, tanto da mancare anche qualche lancio, la trivela non funziona bene e nel secondo tempo tenta di lanciare a rete la montagna umana, quando tenta di fare fallo l'arbitro lo richiama, il direttore di gara si ricorderà di lui.
    #quantucindidissi

    Piperno: 5,5
    Il cambio di ruolo ad ogni gara non lo aiuta, disorientato perde tanti duelli, qualche pallone recuperato, ma non l'abbiamo mai visto cavalcare sulla fascia come Furia.
    #rimandatoadaltraposizione

    Artusa: 6
    Uno dei pochi a centrocampo a rendersi utile in qualsiasi posizione, la sua forza è la corsa e come sempre la mette a disposizione della squadra correndo a raddoppiare quasi dappertutto.
    #sonolontaneleserateindisco

    Dileo: 5,5
    In mezzo al campo prima ed esterno dopo è iimbrigliato dal gioco avversario, finge un infortunio e si sostituisce da solo
    #tiaspettailfartlek

    Arcella: 5,5
    Non degno della sua precedente prestazione, è utile quando posizionato in area rinvia di testa, si si si si si si si, di testa, una palla che avrebbe potuto finire in gol.
    #trottolinosenzabatterie

    Lo Gatto: 5,5
    Esterno prima e centrale di centrocampo dopo, i postumi dell'influenza si vedono, è ancora annebbiato, pensate che non si è quasi mai sentito lamentarsi.
    #quasidalibrocuore

    Fragalà: 6,5
    La sua posizione è li, sempre in mezzo, ma non ha molte soluzioni, ne avanti ne sugli esterni. Le condizioni del campo sono difficili per lui (figuriamoci per gli altri), quando però capisce come addomesticare il coniglio del pallone, tira fuori dal cilindro la solita magia: assist filtrante che manda in area l'esterno per il gol del pareggio.
    #atrucamagoSilvan

    Pezzo: 6,5
    Parte attaccante: da dimenticare.
    Spostato sulla sua fascia di competenza, la destra, ci mette un tempo per entrare in partita e quando ha spazio a disposizione manda in gol il compagno e tenta di fare il bis subito dopo.
    #unPezzopervolta

    Pisani: 5,5
    Entra dopo 10 minuti dal via della gara, esterno destro, attaccante, di nuovo esterno a sinistra e poi sostituito a 10 minuti dalla fine. Certo il solito confusionario, ci si aspetta sempre qualcosa di più, ha il merito di far parte dei 5 che hanno toccato il pallone per il gol del pareggio, ci smentisce qualche minuto dopo, ciccando incredibilmente il tiro che avrebbe potuto portarlo in gloria.
    #siamofiduciosi

    Cammarata: 6,5
    Non in grandissima forma, ma tecnicamente è l'unico vero attaccante a disposizione della squadra, gli bastano pochi minuti e diventa un fastidio per la difesa avversaria che con lui sulla linea difensiva va in panico, le paure si trasformano in realtà quando gonfia la rete a porta sguarnita. Qualche minuto dopo ed è lanciato a rete, a tu per tu con il portiere il tiro è deviato. Peccato.
    #amamentidintra

    Naccari: 6
    Messo in mezzo al campo aiuta i compagni a limitare le incursioni centrali, di testa, di piede, ci deve arrivare sul pallone.
    #preziosoaiuto

    Dileo (allenatore): 6,5
    Le ha provate tutte nella zona nevralgica del campo, forse tentava di confondere l'avversario, ma alla fine cumpundiu i soi jocaturi. dichiarerà alla stampa che la mossa Cammarata era stata discussa e poi messa in pratica. Noi non gli crediamo, ma il risultato gli da ragione.
    #ilsolitostratega

    Pubblicato in Partite
    Lunedì, 05 Febbraio 2018 22:18

    Amici del Conflenti - Vigor Old Boys = 0-3

    Amici del Conflenti - Vigor Old Boys = 0-3

    Al limite della praticabilità del campo, per le avverse condizioni meteo che prima hanno minacciato il via della gara per la nebbia e poi per la quantità di acqua presente appena sotto l'erba del terreno di gioco, la gara tuttavia è stata alla giocata fino alla fine dai 22 e + presenti al campo sportivo di Conflenti. Una certezza su tutte, la voglia di giocare per non dover ritornare una seconda volta.

    Quindi, pronti, partenza , via.
    4-4-1-1 tanto amato e perfezionato da Mister Dileo, che oggi, deve fare i conti con tante assenze nella zona nevralgica del campo, a leggere i nomi potremmo definirle assenze pesanti, ma la forza della Vigor sta nel gruppo, non nei singoli, quindi nulla spaventa i ragazzi che senza Lo Gatto, Di Bella, Pezzo, Tamburro affrontano gli avversari ostici in maglia giallo.

    Con Petracca tra i pali, linea difensiva formata da De Fina P., Valenzise, Liberto e Cannatà; centroncampo con Piperno, Dileo F., Garcea, Menniti, in regia Fragalà ed unica punta Sposato, i primi minuti sono caratterizzati da una sorta di confusione nel gioco degli ospiti, che invano cercano di tessere una trama di gioco soddisfacente, perche risulta impossibile far viaggiare la palla in 10cm di acqua nascosta sotto l'erba, perciò il gioco latita e sono frequenti gli scontri in stile vecchio "Aquapark". I padroni di casa conoscono bene il loro campo di gioco e cercano di approfittarne con lanci lunghi, ma nulla impensierisce il numero 12 Vigoroso e la sua retroguardia.

    La palla, comunque galleggia sempre tra i piedi degli ospiti, che però devono rinunciare quasi subito a Garcea in mezzo al campo per il riacutizzarsi di un vecchio acciacco, al suo posto, un pò a sorpresa, entra in campo Arcella che prende il posto a centrocampo, niente stravolgimenti all'aspetto tattico.

    Col passare dei minuti, la Vigor capisce che non è la giornata adatta per giocare col pallone a terra e si adatta alla situazione, giocando con palloni alti per il suo unico attaccante. Modo di affrontare la partita che li premia subito: un lancio sulla sinistra, 3/4 avversaria, dove il campo è messo un pò meglio ed è Sposato che sfrutta lo spazio, volata verso la porta, ma in posizione molto defilata, quasi sulla linea di porta, vede il portiere non piazzato a difendere la porta e con un destro di esterno lo beffa (non chiedeteci coma abbia fatto, si si, esterno destro dalla sinistra) siglando lo 0-1.

    Da qui, partita che sembra in discesa, la Vigor ha il pallino del gioco tra i piedi e la tanta acqua, da un cross velenoso di Dileo, una sfortunata quanto goffa respinta di testa del difensore centrale di casa, porta il risultato sullo 0-2.

    Non può mancare l'acuto del capocannoniere della squadra, Fragalà, che quasi da centrocampo lascia partire un destro di rara bellezza e potenza che solo la sfortuna fa finire a lato del 7.
    Ci prova anche Arcella con un tiro al volo dal limite dell'area avversaria, ma anche questo tentativo è alto.

    Il 3-0 arriva da un lancio dell'ormai "veterano" esperto di questo terreno di gioco, Petracca, che pesca Sposato centralmente, la punta vigorosa travolge il difensore e con un delizioso pallonetto sigla lo 0-3.

    Ripresa con poche emozioni, la Vigor, è proprio il caso di dirlo, tira i remi in barca, il terreno è molto pesante ed i giocatori in campo ne risentono, Fragalà è il faro di questa partita, tutte le azioni passano da lui, il Conflenti cerca il gol della bandiera e ci va pure vicino con un tiro da appena dentro l'area della Vigor ma che Petracca devia sul palo. Qualche calcio d'angolo, qualche altra occasione di Sposato e tra le sostituzioni ed un acquazzone finale i tre punti sono nel bagagliaio della Vigor Old Boys.

     

    Le Pagelle

    Petracca: 7
    Ama questo campo, è dove l'anno prima era andato in gol, calciando una rimessa in gioco dalla propria area di rigore e dove oggi, ha regalato 2 assist, uno trasformato da Sposato ed uno mancato da Fragalà.
    Il voto non è per gli assist, ma per i due interventi, uno sul tiro deviato sul palo ed uno su un secondo tiro deviato in corner.
    #simanontimuntariatestacastavamu3a0

    Defina P.: 7
    Non ha paura dell'acqua, anche se esce con la divisa immacolata, come abbia fatto lo sa solo lui. Dalle sue parti nessun problema, sa vitti ijiu, nel secondo tempo regala un dribling secco seguito da un passaggio filtrante, u vi a Petru, ma è nel primo tempo che da il meglio di se, quando, dopo aver colpito involontariamente l'avversario all'altezza del ginocchio gli chiede: "non ce li hai i parastinchi?"
    #unsignore

    Valenzise: 7
    La solita partita accorta, usa al massimo il fisico, di testa, di piede, comu veni veni, ma la palla non deve rimbalzare, figuriamoci se la lascia cadere nell'acqua. Gli avversari si alternano nella sua zona, non gliene frega nulla.
    #diquanonsipassa

    Liberto: 7
    Anche lui come il suo compagno di reparto è accorto e prudente, non troppo quando perde palla nello stagno, niente danni. Ha avuto anche la possibilità di poter tentare di metterla dentro su un paio di calcio d'angolo, fosse stato più deciso. Gli diamo mezzo voto in più per la faccia del commissario di campo quando guardava verso le montagne impaurito dal rumore dei tuoni.
    #noneranotuoni

    Cannatà: 7
    Oggi i suoi lanci son serviti, perchè impossibile giocare palla a terra, aspetta, aspetta che ha saltato un paio di volte di testa in perfetta sincronia col pallone colpendolo con la fronte.
    #forsehaimparato

    Piperno: 6,5
    E' un difensivista, tende più a coprire la sua zona che non aggredire quella avversaria, così facendo sembra mettersi d'accordo con l'avversario e praticamente da li se la giocano a falli laterali. Però è invogliato ogni tanto a galoppare, o meglio a nuotare, si presenta in area avversaria, potrebbe timbrare il gol, ma niente, è più forte di lui, la deve passare.
    #primaopoidevearrivarematutiraognitanto

    Dileo: 7
    Partita di quantità la sua, ostinato a cercare il passaggio rasoterra, ma appena partiva il pallone, doveva riprenderlo perchè inchiodato a terra in una pozzanghera. distratto molte volte, in stile partitella di allenamento, si fermava in mezzo al campo a dare indicazioni. L'esperienza però c'è e si vede, qualche fallo, qualche pallonata, qualche lancio e da un suo cross arriva lo 0-2, ma quella calzamaglia di lana, non ci potia guardari, dopo 2 minuti di gioco cade nella zona più allagata del campo, lui che non vanta un' altezza invidiabile, è sommerso in un istante.
    #sololacalzamagliapesava200kg

    Garcea:  7
    La montagna elegante. A guardarlo sembra un toro imbizzarrito, ma tratta il pallone con delicatezza, guai a cercare di portarglielo via, sembra la mamma coi suoi piccoli. Lotta, combatte, è sempre in proposizione, ma deve arrendersi dopo 25 minuti per un vecchio problema al polpaccio.
    #ndividimusuluugiovedì

    Menniti: 7
    Si, abbiamo capito che ha il fisico per correre, ma non è che può soltanto correre, ogni tanto facciamolo giocare. Praticamente la sua fascia è asciutta per quante volte è andato avanti e dietro, tra attacco e difesa, molte volte è andato anche dove non doveva. Ma quel destro!!!! Se lo usasse anche per calciare, giovedì avrebbe dovuto portare i dolci.

    Fragalà: 7
    Tutte le azioni passano dai suoi piedi, dalle sue invenzioni, dai suoi assist. Anche la nebbia avrebbe applaudito se fosse entrato quel tiro da quasi centrocampo.
    #èmancatosoloilgol

    Sposato: 8
    Quando non ci sono i compagni di reparto e quindi deve fare tutto lui, accontenta tutta la categoria dei metalmeccanici. Prende a sportellate chiunque gli si mette davanti, di lato ed anche dietro, così si fa spazio tra i difensori che cadono al suo passaggio neanche fosse un caterpillar, però, quello che non ti aspetti te lo regala: di esterno destro, quasi dal fondo sulla sinistra la insacca, ancora, travolge i difensori ed invece di sfondare rete e porta, batte il portiere con un dolce pallonetto. Lo vedi sorridere quando, nel secondo tempo, dopo l'ennesimo tiro in porta il portiere avversario gli dice: "e si chi ti paria ca mu signavi?"
    #poiilportiereabbandonaperunpresuntoinfortunio

    Arcella: 7,5
    Piccolo furetto, è in grandissimo spolvero, certo, con tutta quell'acqua non c'era un granello di polvere, ma lui sembrava alzarla da terra comunque, ha corso, ha recuperato palloni, ha preso le redini del centrocampo, ha saltato di testa, si si si si, di testa, sovrastando anche qualche suo compagno di squadra, ha fatto anche meta, sorridente sa di aver sfiorato il gol.
    #quantociseimancato

    Naccari: 6,5
    Buon esordio, forza, esperienza e determinazione in campo, recupera e gioca un moltitudine di palloni.
    #daràunagrossamano

    Cuzzucoli: 6,5
    Fantasista dietro l'unica punta, buone le triangolazioni e le trame di gioco.

    Pisani: 6,5
    Lo piazzano unica punta, tanto movimento e da tantissimo fastidio alla retroguardia avversaria con la sua corsa, è fastidioso perchè sa dove e quando inserirsi, qualche giocata di prima frettolosa.
    #hasempreleideegiustemalarealizzazioneèquellochelof

    Fabrizio: s.v.
    pochi minuti per lui che rientra da un periodo di antibiotici.
    #comumisugiudiziunciucacciaru

    Di Bella: 5
    Non ha giocato perchè infortunato, ma chiji cazetti non nci potenu guardari: calze Di Bella

    Dileo F.: 8
    Nessuno avrebbe scommesso sulla sua presenza in campo fin dall'inizio, ma è stata la mossa giusta, ma la più azzeccata ed anche qui nessuno avrebbe scommesso 1 euro, è stata la sostituzione, forzata, di Garcea con Arcella.
    #tistudianottiontobagnu

     

    Pubblicato in Partite

    Contatta il Presidente: +39 331 79 14 100

    Contatore visite

    Chi è on-line

    Abbiamo 87 visitatori e nessun utente online

    Mappa

    © 2017 Vigor Old Boys. All Rights Reserved. Designed By www.alexsitiweb.it - Photographer Emanuele Cannatà